VIA DEL VOLTO SANTO

Indirizzo

Pontremoli


Riposiziona mappa

Un detto lunigianese che sintetizza al meglio lo spirito e la storia che lo alimenta di questo popolo delle terre di mezzo : La Lunigiana?! “L’è mei da sé”…Il resto ve lo racconto in cammino e lo potrete comprendere vivendo il territorio.

 

Una storia o , meglio, una leggenda? .  Il Volto Santo.

“Il Crocifisso del Volto Santo, secondo la leggenda narrata dal diacono Leboino, fu scolpito da Nicodemo
con legno di noce, per tramandare le vere sembianze di Gesù Cristo. Nel lavoro il cesellatore fu aiutato dalla Grazia Divina che ne guidò la mano. Il Crocifisso fu nascosto fino al VIII secolo, data in qui il vescovo Gualfredo, pellegrino nei luoghi santi sognò la grotta dove era stato nascosto. Il Volto Santo fu posto su
una barca priva di equipaggio a Joppe e attraversò tutto il Mediterraneo fino a raggiungere Luni.
L’antica città romana, così come tutta la costa tirrenica dell’Italia, era soggetta a continue scorrerie saracene e si narra che il Crocifisso non si fece avvicinare né dai pirati, né dai lunensi. Poi una notte Giovanni I, Vescovo di Lucca, ebbe in visione un angelo che gli fece un annuncio.

Il Vescovo doveva recarsi a Luni perché solo a lui si sarebbe data la barca con il prezioso contenuto. Fu così, ma non senza contrasti, che alla fine nel 782 il Volto Santo fu trasportato solennemente a Lucca. In cambio Luni ricevette dal Vescovo lucchese un’ampolla con il sangue di Cristo, che ancora oggi è
conservata a Sarzana.
Il Crocifisso fu posto immediatamente nella chiesa di S. Frediano, ma al mattino seguente il Volto Santo
era sparito. Solo dopo un gran cercare fu ritrovato negli orti vicini al Duomo e da allora, interpretando la scomparsa e il ritrovamento come un segno miracoloso, il Volto Santo è custodito in San Martino.”

Tipo di attività:
TREKKING
Highlights:
TREKKING VIA FRANCIGENA, TREKKING TOSCANA, TREKKING LUCCA, TREKKING GARFAGNANA, VIA FRANCIGENA, VIA DEL VOLTO SANTO, 7-10 NOVEMBRE 2019, TREKKING NOVEMBRE 2019
Area:
LUNIGIANA
Regione

TOSCANA

Durata:
3 giorni
Periodo:
NOVEMBRE

Operatore:

Accessibilità:

Special price
140 €

La Via del Volto Santo, a piedi sull’altra Francigena tra Lunigiana e Garfagnana.

Giov.7-  Dom.10 Novembre 2019

La via del Volto Santo dal 752 d.c.  è così definita a seguito dei pellegrinaggi che si diffusero per rendere devozione al Cristo tunicato che si trovava  nel Duomo di Lucca. In realtà questo antico cammino era stato, ancora molto prima, una importante tracciato della via Francigena , definita interna, che da Pontremoli, anzichè  portarsi  verso il mare e le zone paludose si addentrava nella Lunigiana, e sconfinava in Garfagnana attraverso il Passo di Tea per arrivare a Lucca. Un percorso, incredibilmente, suggestivo che abbiamo recuperato con due anni di ricerche e sopraluoghi e che oggi offriamo a voi per farvi conoscere due aree geografiche davvero interessanti.

Quattro delle dieci  tappe necessarie per raggiungere Lucca. Noi ne percorreremo alcune nel tratto della verde Lunigiana,  una più bella dell’altra, durante le quali i nostri occhi e la mente saranno attratti dai paesaggi  che incontreremo e dai silenzi che ci circonderanno. In questa stagione con i colori dell’autunno a rendere ancora più suggestivo il viaggio.

I borghi, i castelli, le strade selciate, la catena appenninica, le fantastiche Alpi Apuane, le cascate , i guadi dei torrenti e anche la rinomata cucina sapranno riempire ogni momento delle  giornate che affronteremo in cammino.

Mille motivi per mettersi in viaggio su un percorso che anche la Rai ha deciso di promuovere per la sua bellezza e la storia che l’avvolge , girandovi  due puntate di una seguitissima trasmissione.

giov.7 : da Pontremoli a Treschietto  8 h. ( + 950, – 470 mt dislivello ), 28 km

 

Vista la lunghezza della tappa si consiglia ( vivamente) , il giorno prima, di visitare l’imperdibile e unico Museo delle Statue Stele nella suggestiva ambientazione del Castello del Piagnaro che domina ( e un tempo proteggeva ) il centro di Pontremoli.

Noi cominciamo la prima tappa iniziando la graduale salita che ci permette di visitare alcuni caratteristici borghi situati a mezza costa del fianco meridionale dell’Appennino. Transitiamo anche per il minuscolo borgo di Dobbiana che cela , però, un grande tesoro. Un opera raffigurante il Volto Santo e che si dice sia l’originale immagine che era stata portata dalla Terra Santa..(!). L’arrivo della intensa giornata è nel suggestivo borgo di Treschietto, abitato di straordinaria posizione strategica nel periodo medioevale. Soggiorno in ostello gestito da cooperativa di validi ragazzi locali.

 

ven. 8 : da Treschietto a Molesana 6,30 h ( + 250,- 150 mt dislivello), 24 km

Altra tappa di grande interesse . Prima ancora di arrivare a Bagnone una breve visita  con degustazione la riserviamo alla bottega di “ Commestibili” come recita la vecchia insegna . Una delle ultime “Barsant” di Bagnone  gestisce la mescita e quanto di buono si trovi in queste montagne..oltre al personale racconto che ci permette di  capire l’origine di un fenomeno sociale del dopoguerra tipico di questa valle. Bagnone, con i suoi portici , le case nobili,il suo suggestivo torrente  e il museo etnografico che possiamo visitare per completare la conoscenza dei “ Barsant”. Ma non finisce qui , la ciliegina sulla torta sta in un altro borgo, fortificato, più in avanti … Una sosta da lasciarvi  a bocca aperta.  Incontri e conoscenze che sono nuova linfa per ripartire e completare una giornata da incorniciare… Soggiorno in agriturismo di indiscusso valore.

sab. 9:  da Molesana a Fivizzano 7 h (+ 400mt, – 200.mt), 21,5 km

Una tappa interessante e varia , terreni e feudi  contesi a colpi di spada come accadeva a Pontebosio , di cui vediamo il castello, e poi iniziamo a camminare nei boschi che ci accompagneranno per buona parte della giornata. Alla fine, dopo tante ore di marcia , il bosco cede  spazio ad un ambiente più aperto come la valle che accoglie la bella Fivizzano , un tempo, immaginata dai suoi amministratori, i Medici, una seconda capitale toscana. Sistemazione in agriturismo, altra eccellenza del territorio.

dom.10: da Fivizzano a Pieve s.Lorenzo 6 h ( + 250mt, – 230) , 18 km

I numeri parlano chiaro , anche l’ultima  tappa si presenta lunga  e con un poco di dislivello  ma quello che vedete vi farà dimenticare ogni fatica. Qualche nome che ora non vi dirà molto ma che poi ricorderete con piacere. Turlago, Reusa,  la Pieve romanica di S.Lorenzo con immagine del Volto Santo per chiudere l’argomento.

Inizio: Giovedì 7 con ritrovo alle 8.15 nella piazza del Comune a Pontremoli di fronte all’antico Caffè degli svizzeri .

Fine : domenica 10 alla stazione fs di  Pieve S.Lorenzo  da cui potrete rientrare alle vs residenze con treno verso Pontremoli e altre destinazioni.

Cammino: di tipo itinerante che si sviluppa su sentieri, strade selciate, strade asfaltate a bassissima intensità di traffico, piste forestali. Necessario allenamento , ma non ci sono difficoltà oggettive. Difficoltà = E come escursionistico nella scala CAI

Notti: sistemazione in B&b , ostelli, agritur , alberghi di piccole dimensioni. Possibilità/ probabilità  di dovere condividere letti matrimoniali . Possibilità di qualche camera singola con eventuale sovraprezzo.

Pasti: pranzi al sacco, cene in osteria,

Sapori tipici: testaroli, farro, torte d’erbi, castagnaccio, marocca di Casola, formaggi.

Cosa portare: bastoncini telescopici…la lista completa sarà fornita prima della partenza.

Difficoltà: 2 su 4 per la lunghezza delle tappe.

Quota:  140.00 eu da versare all’associazione ( per organizzazione, segreteria e guida)

Spese previste : 220.00  eu da portare con sè per mangiare e dormire. I pranzi sono al sacco. Dal costo sono esclusi i trasferimenti da Pieve S.Lorenzo vero il punto di partenza. e ingresso a musei . Le spese  sono calcolate in modo accurato ma sono suscettibili di variazioni legate alle modifiche dei prezzi o alle scelte del gruppo.

Spese della guida: l’ostello da gratuità con gruppi da 15 persone, gli agritur per gruppi con 10 partecipanti. Altri costi sono il viaggio A/R da Cascina a Pontremoli con auto fino a Pisa e il restante in treno regionale.

note: il percorso e gli alloggi possono essere modificati dalla guida in base a meteo, gruppo o altro. Consiglio di arrivare la sera prima a Pontremoli per chi viaggiasse in treno . I tempi di percorrenza sono collaudati con il passo di camminatore medio ma rimangono indicativi in relazione a molte variabili che il viaggio può presentare.

FORM CONTATTO

Privacy:

7-10 NOVEMBRE 2019, TREKKING GARFAGNANA, TREKKING LUCCA, TREKKING NOVEMBRE 2019, TREKKING TOSCANA, TREKKING VIA FRANCIGENA, VIA DEL VOLTO SANTO, VIA FRANCIGENA, VIAGGIO VIA FRANCIGENA

VIAGGIO VIA FRANCIGENA, VIA FRANCIGENA, VIA DEL VOLTO SANTO, TREKKING VIA FRANCIGENA, TREKKING TOSCANA, TREKKING NOVEMBRE 2019, TREKKING LUCCA, TREKKING GARFAGNANA, 7-10 NOVEMBRE 2019