VIE DI TRANSUMANZA

Escursioni  in Toscana: Turismo Slow

Quando d’autunno le greggi scendevano dall’Appennino per svernare in Maremma, si sentivano per giorni il pesticcio delle pecore, i campani, l’abbaiare dei cani. Era un immenso fiume di lana quello che scendeva verso il mare da due direzioni principali: l’Appennino tosco-emiliano e quello alle spalle di Arezzo. Passato l’inverno, goduta la primavera, le greggi ripartivano nel senso opposto.

Ogni gregge veniva guidato in un itinerario prestabilito dove, nelle aie di contadini ospitali, si passava la notte in cambio del latte appena munto. I grandi cani bianchi seguivano il gregge, la famiglia del pastore e i pochi attrezzi venivano portati su un carro tirato da un ciuco, in una nuvola di polvere, di mosche, di storia.

La pastorizia e l’allevamento del bestiame sono stati a lungo una risorsa cruciale del territorio nelle campagne e colline della Toscana e sui crinali appenninici dell’Emilia Romagna. Per secoli attraverso lo spostamento stagionale delle pecore il fenomeno della transumanza ha collegato montagna e pianura, Appennino, Garfagnana e Maremma resistendo fino alla metà del ‘’900 quando molti pastori si sono trasferiti in Val di Cornia, in Val di Cecina e nel resto della Maremma. Questo suggestivo movimento di uomini e animali non ha rappresentato soltanto i tratti caratteristici di un’attività fondamentale per le economie rurali del tempo ma  ha consolidato modi di vita,  percorsi e paesaggi  che riguardano l’Appennino e i suoi protagonisti. Le generazioni passate,  attraverso i suoi protagonisti, ci hanno lasciato  un’ eredità territoriale e sociale che oggi, con la riscoperta di questi antichi tracciati, ci offre la possibilità di rivivere  in chiave turistica questo suggestivo modo di viaggiare da un area all’altra e di rivalutare le zone interessate.
Un viaggio fantastico al ritmo lento dei compagni asini percorrendo mulattiere, viottoli di campagna , attraversando colline da cartolina e un territorio ricco di storia millenaria e di eccellenze agro alimentari.

MAGGIORI INFORMAZIONI