Vacanze in Toscana

Vacanze per famiglie con bambini in Toscana

TOSCANA ; la terra dove è nato l’uomo.

Sai dove andare per le tue vacanze per famiglie con bambini in Toscana?

vacanze in toscanaLa Toscana è’ una delle regioni più famose al mondo, un luogo incantato dove ognuno può proiettarvi i propri desideri e i propri sogni; un viaggio questo, fatto di infiniti stimoli, un’esperienza che può cambiare la persona arricchendone la sensibilità e ampliandone i pensieri verso nuovi orizzonti. Qui l’incontro tra uomo e natura è perfetto, i paesaggi incantati e morbidi dei rilievi del Chianti o lo splendore della Val d’Orcia e Val di Chiana passando attraverso le aree montuose della Garfagnana fino ad arrivare alla costa, ci lasciano ammaliati, così come il prezioso arcipelago Toscano con l’isola d’Elba, il Giglio, Capraia, Montecristo, Giannutri. Il risultato è sempre lo stesso; la realtà qui supera la fantasia. La Toscana scatena il desiderio di evasione e di isolarsi in un luogo rasserenante ammirando i filari di cipressi sulle colline, i casali di campagna, i borghi medievali e le vie scavate nel tufo. O ancora, visitando l’entroterra etrusco della maremma con le catacombe disseminate ovunque, le cappelle romaniche e le case rurali…; la bellezza del paesaggio di questa regione dalle origini etrusche raggiunge la perfezione con l’opera dell’uomo, attraverso gli artisti maestri che dall’antichità medievale al Rinascimento ne hanno colto il volto più profondo. Passando dallo stile etrusco geometrico e raffinato, che i romani ben presto assorbirono nella loro architettura, si ammira poi lo stile romanico ( fusione di architettura longobarda e romana) per molti monasteri ed edifici sacri ; Navate sobrie per chiese ancor più austere , con un tratto tipicamente toscano nel XI secolo a Pisa dove la facciata di marmo grigio e bianco del Duomo apri’ la strada a nuove soluzioni architettoniche del romanico pisano. Siena in quei tempi, non volendo essere da meno al fermento di Firenze e Pisa sfoggiò la sua spettacolare cattedrale con la meravigliosa facciata in stile gotico di Giovanni Pisano. Firenze, Siena e Pisa centro  sono solo gli esempi più eclatanti dell’arte toscana fiorita tra il Medioevo e il Rinascimento. A queste mitiche città si aggiungono i tanti piccoli luoghi come San Gimignano, Volterra Lucca, Massa marittima che lasciano incantati.vacanze toscana

Pochi sono i posti al mondo che possono vantare tanti capolavori e tanti geni; Giotto, Brunelleschi, Botticelli, Dante, Michelangelo, Leonardo, Cimabue, Lorenzetti . Gli artisti toscani hanno prediletto spesso lavorare il marmo, e molte opere del medioevo e del Rinascimento sono realizzate in questo materiale estratto dalle famosissime cave di Carrara fin dai tempi dei romani. Tra i capolavori in marmo possiamo ricordare il Battistero di San Giovanni A Firenze, Il Duomo di Pisa; il Duomo di Siena, Il David di Michelangelo, esposto alla Galleria dell’Accademia a Firenze.

Insomma solo un assaggio questo…; sono innumerevoli infatti i capolavori ,le chiese, i borghi da scoprire in Toscana, e forse non tutti sanno che dei quasi 100 siti riconosciuti dall’Unesco come patrimonio mondiale dell’umanità, 50 si trovano in Italia che si aggiudica così il primo posto; per comparire nell’elenco, i siti devono avere un valore universale e rispondere ad almeno uno dei 10 criteri selettivi ; ricordiamo ben sette siti Unesco in Toscana:

Il centro storico di Firenze, Piazza del Duomo a Pisa, il centro storico di San Gimignano, il centro storico di Siena, centro storico di Pienza, il Paesaggio della val d’Orcia, le Ville e i giardini dei Medici.

Le antiche case in pietra , le vie lucide lastricate ,le insolite piazze e i ponti antichi, i castelli e le fortezze nobiliari come le torri e le antiche chiese si incontrano abitualmente negli antichi borghi toscani e si fondono naturalmente con il paesaggio, venendo annoverati tra i borghi più belli d’Italia , noi ce ne innamoriamo e li ricordiamo;

Anghiari (Arezzo); Barga(Lucca),Buonconvento(Siena);Castelfranco di Sopra(Arezzo);Castiglione di Garfagnana(Lucca); Cetona (Siena),Giglio castello(Grosseto);Mura e bastioni( Grosseto);Pitigliano ( Grosseto);San Casciano dei bagni(Siena);Scarperia (Firenze).

Testimoni di Arte e storia, depositarie dei fasti delle signorie, le città della Toscana raccontano la storia italiana , la terra dove –secondo un vecchio detto -è nato l’uomo.

In posizione strategica , troviamo  Pisa   vicino ad ogni sito di maggiore interesse culturale, e ideale come punto di partenza ed arrivo per ogni itinerario  delle vacanze per famiglie con bambini

 

Vacanze in Toscana

L’Estate ci porta a cavallo,sui sentieri a piedi, in bike, in mongolfiera e sport acquatici!

La Toscana  puo’ offrire tutto questo anche di più perché tra le tantissime opportunità , non è da escludere l’alternativa montagna dalle Alpi Apuane alla Garfagnana di cui parleremo presto..

C’è tutto un mondo  da scoprire in questa bella stagione; per gli escursionisti ad esempio  la via Francigena nota dal Medioevo come uno dei più importanti itinerari dei pellegrini europei per giungere a Roma per visitare la tomba di San Pietro,  è un itinerario meraviglioso da poter affrontare sia piedi che in auto attraversando da Pontremoli la Pieve di Sorano ; Filattiera  incanterà passeggiando per il bel borgo antico e poi a Mocrone si potrà  godere in cima alla collina della vista dal castello di Malgrate, e poi ancora  Bagnone con  il suo castello la chiesa e i ristoranti e poi Filetto da addentrarsi per i suoi vicoletti suggestivi; tutti i borghi antichi che  formano un itinerario splendido che termina ad Aulla famosa per la sua abbazia .Anche l’isola dell’Elba e’ una meta spettacolare per gli escursionisti avventurosi che potranno scegliere  addirittura la grande traversata Elbana  (60km da est a ovest dell’isola).

Non dimentichiamo  chi ama la bicicletta , anzi  va ricordato  che il ciclismo in Toscana ha  una storia antica di grande lustro Bini , Bozzi, Magni, Magini, Bartali erano qui a far sognare con la loro passione per le due ruote a che è rimasta in tutti i toscani che oggi si spostano da un luogo all’altro sempre più con le loro biciclette. Gli  ospiti della Toscana potrebbero scegliere un itinerario in bike  riposante e affascinante come la Costa degli Etruschi, una zona collinare ideale per le due ruote ma non mancano anche le ciclo passeggiate  al mare come quella che include le strade di Donoratico e Marina di Castagneto,( www.costadeglietruschi.It) ma anche piacevole sarà la strada a sud di Livorno lungo la strada del vino e dell’olio; consigliamo la  la ciclovia dell’Arno di 270 km sulle rive del fiume non disdicendo  Chianti con i suoi  moltissimi itinerari con piacevoli soste ma anche le piste nella Val d’Orcia o quelle  del Monte Amiata per i più impegnati. Tuttavia in Estate esplode la bellezza dell’Argentario da percorrere in mountain-bike tra torri  medievali antichi casali,la macchia mediterranea, il mare turchese e sullo sfondo le isole dell’arcipelago..

Gli amanti dei cavalli potranno cavalcare per i boschi di castagne  e  le querce da sughero, nei campi di girasole, di papaveri rossi ,sentendo solo gli  zoccoli dei cavalli, qui la tranquillità  inebrierà’ l’anima e la mente. Vivendo la Toscana nel modo più autentico ci accorgeremo che le gite a cavallo sono molto popolari in tutta la regione, e infatti molti agriturismi dispongono di cavalli da mettere a disposizione per gli ospiti lungo la Costa degli Etruschi per esempio che collega Livorno a Sassetta, molto vicino ai nostri alberghi TowerInn Il Villa e Il Giardino a Pisa ci sono tanti sentieri boscosi da percorrere in estate con sistemazioni sia per i cavalli che per le persone, circuiti di mezzo giornata, di giorni interi con varie possibilità per tutti i cavalieri ed  uno dei posti più bucolici per montare in sella è il centro equestre di Equitiamo :www.equitiamo.it – Cascine Vecchie Pisa) nel parco regionale Migliarino San Rossore Massacciuccoli tra Pisa e il litorale offre escursioni con cavalcate sulla sabbia immersi nella natura.

Non  piacciono le passeggiate a piedi, in auto o a cavallo? Nessun problema c’è  la mongolfiera ! Si potrà sorvolare silenziosamente sopra i vigneti e gli argentei oliveti perché la stagione delle mongolfiere è pronta da fine primavera a inizio autunno a regalare un’esperienza unica partendo all’alba alle sei del mattino prima che dalla costa inizino a soffiare i venti contrari oppure nel tardo pomeriggio; i voli durano un’ora con colazione con vini pregiati a bordo; le partenze vengono concordate da diversi luoghi .

E dopo aver affrontato itinerari a piedi in auto o in bicicletta o a cavallo e in mongolfiera non può mancare qualche immersione e qualche giro in kajak e canoa! L’isola dell’Elba è tra le mete preferite dei subacquei ed accessibile tutto l’anno se vi appassiono i relitti sì si può immergere a Pomonte dove giace la nave mercantile Elviscot sommersa a 12 m  di profondità, le scuole dell’isola organizzano anche corsi e noleggi e hanno tutta l’attrezzatura con le guide; i meno coraggiosi  potranno  fare snorkelling  ; immersioni suggestive si potranno affrontare anche all’isola del Giglio ma anche lungo la costa degli Etruschi e a Porto Ercole . Per contrastare la calura estiva si potrebbe scegliere anche di pagaiare  in kajak o in canoa da una spiaggia all’altra dell’isola dell’Elba con le sue tante  baie e perché no un giro in  Windsurf? L’arcipelago toscano  offre le migliori condizioni per la vela il Winddsurf e il kitesurf con bassi fondali e venti appropriati;Viareggio poi ospita ogni anno molte regate di vela. Insomma se l’imbarazzo della scelta per i nostri ospiti sara’ troppo insostenibile rivolgetevi pure a noi per le giuste informazioni e soluzioni !

 

Arezzo:  Città natale del Celebre poeta  Petrarca .

Da Visitare:

ANFITEATRO ROMANO
tra via Crispi e via Margaritone. Fu costruito nel I sec. d.C. con pietra arenaria e laterizi e conteneva circa ben 8.000 persone, ma ne restano oggi solo pochi ruderi. Su una parte dell’Anfiteatro fu costruito un convento degli Olivetani, oggi Museo Archeologico fondato nel 1822 dalla Fraternita dei Laici
CASA DI PETRARCA
PIAZZA GUIDO MONACO
FORTEZZA MEDICEA
PALAZZO PRETORIO
PALAZZO DEI PRIORI
PIAZZA GRANDE
PALAZZO DELLA FRATERNITA’ DEI LAICI

Arezzo viene fondata sicuramente dalle popolazioni villanoviane, dopodiché subisce l’influenza degli Etruschi e cresce di importanza fino a divenire una delle dodici lacumonie d’Etruria. Le prime testimonianze archeologiche della futura Arretium, di cui non sappiamo tutt’ora il vero nome etrusco, risalgono alla fine del VI sec. a.C.: tratti di mura, resti dell’acropoli di S. Cornelio, resti della necropoli sul Poggio del Sole, la Chimera e laMinerva (bronzi del V e III sec. a.C., Museo Archeologico di Firenze), ceramiche greche di importazione (cratere di Euphronios, Museo Archeologico di Arezzo), vasi di bucchero.

Epoca Romana e Medioevo: Nel 311 a.C. Arezzo viene sconfitta e subisce l’occupazione di Roma. Nel III sec. a.C. la città, divenuta etrusco-romana, combatte a fianco di Roma contro i Galli Senoni accogliendo un presidio militare romano e divenendo un punto strategico per l’espansione di Roma verso settentrione. Successivamente, durante le guerre civili, Arezzo si schiera con Mario e Pompeo contro Silla, subendo poi la punizione di quest’ultimo e di Cesare che ne fanno una colonia. Arezzo cresce di importanza fino a divenire la terza città in Italia, durante l’epoca Augustea. Le mura vengono ampliate, sorgono l’Anfiteatro (II sec.), il teatro e le terme. Con Caio Cilnio Mecenate, divenuto ministro e consigliere dell’imperatore Ottaviano Augusto, si ha un grande impulso all’economia e all’arte. I vasi corallini prodotti ad Arezzo giungono anche in India.
Durante il Medioevo, nonostante il crollo del mondo romano e le invasioni barbariche, Arezzo mantiene prestigio ed importanza; è uno dei primi centri occupati dai Longobardi che costruirono castelli e pievi. Dopo la vittoria dei Franchi sui Longobardi, la città entra a far parte del Sacro Romano Impero Carolingio. Dai secoli X e XI sorge la figura delvescovo-conte, che vive nel castello fortificato di Pionta (Duomo Vecchio) e che inizia ad assumere il titolo comitale (1059). A causa della sua importanza economica e del suo prestigio, il vescovo viene nominato direttamente dall’Imperatore.

Il Libero Comune: con la ripresa successiva al Mille, si ha la nascita del Libero Comune, che limita il potere signorile delle autorità ecclesiastiche. La presenza di un console ad Arezzo è attestata fin dal 1098. Verso il 1200 avviene la costruzione di una nuova cerchia muraria, il cui perimetro raggiungeva i 2.600 m e si forma il borgo maestro. Nel Duecento sorgono edifici pubblici e case-torri; viene ultimata la Pieve di S.Maria. Alla fine del secolo inizia la costruzione della Cattedrale, in stile gotico, e delle chiese di S. Francesco e S. Domenico.
La vita è regolata dal Comune, prevalentemente ghibellino, il quale di estende su un vasto territorio e nascono scontri con i grandi Comuni vicini. Successivamente alla calata di Manfredi di Svevia in Italia, Arezzo si schiera apertamente con l’imperatore e sconfigge, unendo il proprio esercito con quello imperiale, l’armata guelfa di Firenze a Montaperti. In seguito alla sconfitta dell’esercito imperiale a Benevento, Arezzo rimane l’ultimo importante baluardo ghibellino, così il papato finanzia Firenze che, grazie anche a mercenari francesi, impartisce una dura sconfitta ai Ghibellini a Campaldino(1289). Nella disfatta muore anche Guglielmino Ubertini, vescovo di Arezzo. Firenze e Siena entrano in possesso di vasti territori aretini.
Con il risveglio culturale, si hanno Arti liberali e attività di rimatori (Guittone, 1235 ca. – 1294) e di artisti locali (Margarito d’Arezzo, 1236 ca. – 1293), seguiti da artisti fiorentini (Cimabue) e senesi (Pietro Lorenzetti); si ha l’apertura dello Stadium. Nel 1304 nasce ad Arezzo Francesco Petrarca.

La Signoria dei Tarlati da PietramalaGuido Tarlati risolleva la città dalla sconfitta di Campaldino e avvia un nuovo periodo di sviluppo; c’è così un nuovo ampliamento della cita muraria. Succede a Guido Tarlati il fratello Pier Saccone, con il quale la città cade in decadenza e viene ceduta a Firenze. Riconquistata l’indipendenza, Arezzo vive una lunga crisi politica e viene ceduta di nuovo a Firenze (1384). L’ultimo artista aretino a lavorare in città nella seconda metà del 1300 è Spinello Aretino (1346 ca. – 1410). Nel Quattrocento l’avvenimento di maggior importanza è l’affidamento a Piero della Francesca degli affreschi del coro della chiesa di S. Francesco; nasce così il ciclo della Leggenda della Vera Croce.

Il 1500: il Cinquecento aretino è dominato da Giorgio Vasari (1511 – 1574) ed operano in città Guglielmo de Marcillat (vetrate della Cattedrale e della Ss. Annunziata) e Bartolomeo Ammannati.
La dominazione medicea è per Arezzo una catastrofe: viene realizzato un nuovo sistema di fortificazione, vengono distrutti il palazzo del Comune ed il Duomo Vecchio. I lavori di fortificazione portano al rifacimento della Fortezza e all’erezione di mura bastionate. Sorgono numerose dimore nobiliari e sulla parte superiore di Piazza Grande viene costruito il grande edificio vasariano delle Logge.

Dall’epoca granducale al 1861: sotto l’influenza fiorentina, si passa dallo stile gotico a quello rinascimentale. Durante il lungo periodo di dominazione fiorentina (prima sotto la Signoria medicea, poi entro lo Stato granducale dei Medici e dei Lorena), Arezzo ha un declino economico, sociale, culturale e demografico. Di questo periodo si ricordano solo Andrea Ceselpino (1519 – 1603) e Francesco Redi (1626 – 1698). Nel 1772, con la riforma comunicativa si ha la nascita del moderno Comune di Arezzo, dal punto di vista territoriale. Nell’Ottocento Vittorio Fossombroni (1754 – 1844) opera la bonifica della Valdichiana. Nel 1825 nasce il Compartimento aretino, primo nucleo della Provincia aretina. Con l’unificazione dell’Italia (1861) e l’annessione di Arezzo al nuovo Stato unitario, si ha la riconquista dell’autonomia amministrativa.

 

 

 

 

Sommario
Data
Titolo
Vacanze in Toscana
Valutazione
51star1star1star1star1star

Le tue condivisioni ci aiutano a crescere. Grazie in anticipo del tuo aiuto!

Posted in ITINERARI, VACANZE and tagged , , , , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *